Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1730. Chi era?

 

Questo ve posso , cch’io ho incontrato
er mortorio ar canton de la Corzía,1


co ssei torce, ’na mezza compaggnia,
venti frati e otto preti ortre ar curato.

 

Der restante è una bbella porcheria
stusanza der cadavero incassato.
Oh vvedete si2 un morto trapassato
nun z’abbi da capí cchi bbestia sia!

 

Drento una cassa che nun cià ggrillanna,3
llibbroni, né ggnente, oh vva’ a rrisponne4
si cche rrazza de morto Iddio ve manna!5

 

Armeno6 chi ha ddudeta7 de scervello
ciavería da mmette8 pe le donne
una scuffia e ppellommini un cappello.

 

6 novembre 1835

 




1 Corsia di Piazza Navona.

2 Se.

3 Non ci ha, non ha, ghirlanda.

4 A rispondere.

5 Vi manda.

6 Almeno.

7 Due dita.

8 Ci avrebbe da far mettere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License