Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1738. Er padre de Ghitanino1

 

Sor oste, una fujjetta der piú pprezzo,
e evviva sempre er Governo papale!...
Bbravo, padron Cammillo... nun c’è mmale.
Presto, corpo de Ggiuda!, un antro mezzo.

 

Bbono, pe Ccristo! e vvali quer che vvale,
e Ddio sce lo mantienghi per un pezzo...
Bbono! e accidenti a mmé ssi lo bbattezzo.
, alegramente, cqua, n’antro bbucale.

 

Viva er Papa, e ’r malocchio nun ce pòzzi.
Ggiú, a la salute de la Santa Cchiesa.
Vino, cazzo! Aló, bbeve, Tuttibbozzi,2

 

tocca, fijjo, e ddà ssotto inzin che vvòi.
Trucchia, sagrato!, e nun badà a la spesa,
ché adesso a Rroma commannamo noi.

 

19 novembre 1835

 




1 Il Cavaliere Gaetano Moroni, già barbiere di frate Mauro, ora primo «aiutante di Camera» di Papa Gregorio. Il signor Rocco, padre di questo grande di Corte, conservate le sue prime abitudini, segue a frequentare le bettole, dove tiene appuntino il linguaggio che qui gli è attribuito; e la sera, tornando al Vaticano, picchia alle colonne del gran peristilio, credendole la porta di casa. Il secondo figlio del vecchio Moroni è Vincenzo, detto «Vincenzino del Papa», il quale, sotto la direzione del fratello «Gaetanino», ha l’onore di radere i peli santissimi dal mento di Sua Beatitudine. Una sera, giuocando egli «all’anello» in una società di Roma, fu detto a chi riteneva l’anello di portarlo a colui che faceva la barba al porco. Colui lo portò a Vincenzino che non conosceva. Di ciò nacque uno scompiglio, e la casa ne fu presa di mira siccome un nido di «carbonari».

2 «Tuttibbozzi», soprannome del terzo figlio del nostro Moroni. Imbianchino di professione si è veduto innalzato alla dignità di pittore de’ Palazzi Apostolici, tenuta in peggiori tempi da un certo Raffaello di Urbino. Egli ha difatti imbiancato da capo a fondo il Vaticano e il Quirinale, ricoprendo di una bella mezzatinta alcuni affrescacci de’ fratelli Zuccheri, che esistevano sotto una «vortica» (cosí il Tuttibbozzi chiama la «volta») nel giardino di quest’ultimo palazzo. Suole egli, mentre fischia e lavora, tenere in capo un berretto di carta, in un lato del quale è scritto: «Evviva Gregorio xvii», nell’altro: «Evviva la casa Moroni»; e di dietro: «Accidenti a li Giacobbini». Desideriamo che questi cenni biografici possano passare alla posterità insieme con la gloria del nostro amatissimo Pontefice e Padre. Dio guardi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License