Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1754. [Er còllera mòribbus]

 

Eh! a cche sserveno mai tanti conforti?
È ita pe nnoantri disgrazziati.
Sapete chi hanno fatti deputati
si er collèra vierà? Pprímoli e Ttorti.

 

Questi tra lloro se 1 ggià accordati
che la povera ggente se straporti2
ar lazzaretto, indovescheno morti
tutti quelli che ccentreno ammalati.

 

E li ricchi staranno in ne l’interno
de casa lòro, curati e assistiti
da un medico e un piantone der governo.

 

Oh annate a ccrede3 ch’er Vangelo poi
abbi torto discenno4 all’arricchiti:
vòbbisis, ciovè bbeati voi!

 

16 agosto 1835

 




1 Si sono.

2 Si trasporti.

3 Andate a credere.

4 Abbia torto, dicendo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License