Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1756. [Er còllera mòribbus]

 

Pe l’appunto, a pproposito de frati,
curre la sciarla 1 ggnente de meno2
ch’er collèra è l’affetto3 d’un veleno
bbono da mmorí ttutti li Stati.

 

Ir quale er monno4 s’è scuperto pieno
de funtane e de pozzi avvelenati
da sti servi de Ddio nostravocati
pe bbuggiaracce a tutti a ccel zereno.5

 

Io perantro6 papeggio,7 e ssò rregazzo
de fregammene8 assai; ché ppe sta strada
lòro, per dio, nun me la fanno un cazzo.

 

A mmé nun me s’inzeggna sto latino.
Sull’acqua ponno cquanto jaggrada,
purché nun zia9 d’avvelenamme er vino.

 

17 agosto 1835

 




1 Corre ora la voce.

2 Niente di meno.

3 L’effetto.

4 Vale a dire che il mondo.

5 Per rovinarci tutti come va.

6 Peraltro.

7 Faccio come fa il Papa.

8 Di ridermene.

9 Non sia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License