Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1761. [Er còllera mòribbus]

13°

 

Fa ccusí er zor Gianfutre? E er nostro frate
fusajjaro1 e mmercante de stuppini2
n’ha pprese tutte quante le pedate,
ché pper collèra nun ddà cquadrini.

 

Sai c’ha ddetto a Bbernetti e a Ccammerini?3
Che li quadrini, a ccose piú avanzate
lui li farà ccacà a sti bbagarini
de bbanchieri e a le case intitolate.4

 

E de sti Papi ce se disce intanto
che sse fanno e sse5 metteno in palazzo
pe spirazzion de lo Spirito ssanto?

 

De che? Spirito ssanto a sti Neroni?
A sti ggiudii?6 Spirito ssanto un cazzo:
Spirito ssanto un paro de cojjoni.

 

20 agosto 1835

 




1 Fusagliaro: venditor di lupini.

2 Stoppini, lucignoli.

3 I Cardinali Bernetti e Gamberini, segretarii di Stato, che pei primi divisero fra loro gli affari esteri e gl’interni.

4 Titolate.

5 Si.

6 Giudei.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License