Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

48. Li cattivi ugùri1a

Sonetti tre

 

le corna d’Aronne!1 De sti fatti
tu nu ne sai nemmanco mezza messa.
Lo vôi2 sapé pperché a Lluscia l’ostessa
janno arubbato tutt’e ttre li gatti?

 

Lo vòi sapé pperch’ha ddufijji matti?
Perché ha pperza3 cor prete la scommessa?
Perché er curiale pena callalessa4
j’ha maggnato la dota a ttutti patti?

 

Lo vôi sapé pperché jj’è mmorto l’oste?
Perché llantra5 ostaria de ziPasquale
j’è arivata a llevà ttutte le poste?

 

È pperché un anno fa dde carnovale
ner conní6 llinzalata e llova toste,
svorticò7 la luscerna e sverzò8 er zale.

 

10 settembre 1830 - De Peppe er tosto

 

 




1a Augùri.

1 Sono, etc.: Frase di opposizione all’altrui sentimento.

2 Vuoi.

3 Perduta.

4 Per un nonnula.

5 L’altra.

6 Nel condire.

7 Rovesciò.

8 Versò.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License