Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1765. [Er còllera mòribbus]

17°

 

Io poi, regazzi mii, saranno vere
tante terrorità ccariccontate,
ma, o ppezzi de vangeli o bbuggiarate,
nun me ne vojjo ggnisun penziere.

 

Vienghi,1 nun vienghi, sciarimedi2 er frate,
nun ciarimedi, lo porti er curiere,3
nu lo porti... pe mmé c’è bbon bicchiere
da passà ffiliscissime ggiornate.

 

Tutta sta gran pavura d’ammalamme?4
E cche gguaio sarà? Ttanto una vorta
o pprest’o ttardi ho da stirà le gamme.5

 

Mica è una cosa nova che sse more;6
e ttoccassi7 a mmé ppropio a uprí la porta,
l’èsse8 er primo, per dio, sempre è un onore.

 

agosto 1835

 




1 Vengo.

2 Ci rimedi.

3 Il corriere.

4 Di ammalarmi.

5 Gambe.

6 Si muore.

7 E se toccasse.

8 L’essere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License