Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1777. [Er còllera mòribbus]

29°

 

Antro1 che Ancona! quer futtuto male,
malgrado li rigori der cordone,
dava de griffo2 a ccentomila Ancone,
senza er congeggno3 der dottor Vïale.

 

Nun zapete4 che llui cor cannocchiale
vedde5 er collèra in forma de dragone,
e ggnisun antro medico cojjone
aveva mai scuperto stanimale?

 

Che bbrutta bbestia! Ha un par de corna armate
com’er demonio: porta l’ale: è ppiena
d’artijji, e nnera poi com’un abbate.

 

Figurete6 che ssorte de sfraggello7
ha da in corpo a un poveromo, appena
je s’arriva a ccaccià ddrentar budello!

 

29 settembre 1836

 




1 Altro.

2 Dava di piglio.

3 Se non era l’ingegnosa operazione.

4 Non sapete.

5 Vide.

6 Figurati.

7 Flagello.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License