Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1778. [Er còllera mòribbus]

30°

 

Oh ssentite stantra bbuffonata
c’ha ffatto a Ancona er zor dottor Cappello.
Va cco un cappuccio in testa, e sott’a cquello
tiè un guazzarone de tela incerata.

 

Sopr’un occhio sce porta uno sportello
de vetro, e in mano un fasscio d’inzalata.
De grazzia, e da ch’edè1 stammascherata?
Da pajjaccio, da Cola o da Coviello?

 

Bbasta, lui co sta bbella accimatura
se2 presenta a l’infermi accap’a lletto
pe sballalli3 ppiú ppresto de pavura.

 

Defatti appress’a llui passa er carretto,
e straporta ppiú mmorti in zepportura
che nun tiè4 er Papa cardinali in petto.

 

31 agosto 1836

 




1 E da che è.

2 Si.

3 Per ispacciarli.

4 Non tiene.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License