Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1780. [Er còllera mòribbus]

32°

 

«Bbe’? cquanno s’arïoprono le porte
de sta povera Ancona sfraggellata
«Er quattro de novemmre, ha detto Tata,1


sarvo sia caso2 de quarcantra3 morte».

 

«E cche discevi de messa cantata
sotto-vosce a Mmattia? ridillo forte».
«Discevo che sse4 canta pe la sorte
che ssan Ciriàco5 suo l’abbi sarvata».

 

«E cche jj’è ssan Ciriàco?» «Protettore».
«E da che ll’ha pprotetta?» «Dar fraggello.
«E li morti?» «E li vivi, sor dottore?».6

 

«Spieghete».7 «E in certi casi accusì bbrutti
vòi8 miracolo grosso ppiú de quello?»
«Sarebb’a ddí’?» «Che nun 9 mmorti tutti».

 

30 ottobre 1836

 




1 Papà, babbo.

2 Salvo il caso.

3 Di qualche altra.

4 Si.

5 S. Cirìaco, protettore d’Ancona.

6 Signor dottore, quasi «temerario».

7 Spiègati.

8 Vuoi.

9 Non sono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License