Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1782. [Er còllera mòribbus]

34°

 

Ma ttutt’a ttempi nostri! E ccaristía,
e llibbertà, e ddiluvi, e ppeste, e gguerra,
e la Spaggna, e la Francia, e llInghirterra...
Tutt’a li tempi nostri, Aghita1 mia.

 

Adesso ha da vení sto serra-serra
de porcaccia infamaccia ammalatia,
pe sturbà Rreggno2 e pportaccese via3
quer povero Scetrulo de la Scerra.4

 

Puro5 pe Ppurcinella meno male:
chi sta ppeggio de tutti è Ggesucristo
c’ha pperzo6 la novena de Natale.

 

Hai tempo a ffà ppresepî e accenne artari:7
questo è er primo Natale che ss’è vvisto
senza manco un boccon de piferari.8

 

24 dicembre 1836

 




1 Agata.

2 Il Regno di Napoli è chiamato assolutamente Regno.

3 E portarcisi via.

4 Cetrulo (Pulcinella) della Cerra.

5 Purtuttavia.

6 Che ha perduto.

7 Accendere altari.

8 Non fu dato accesso nel nostro Stato ai pifferai, gente regnicola, che vengono ogni anno a far novene.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License