Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1783. Marta e Mmadalena

 

«Ma Ggesucristo mio», disceva Marta,
«chi cce arregge1 ppiú cco Mmadalena?
Lei rosario, lei messa, lei novena,
lei viacrúsce... Eppoi, disce, una sce scarta!2

 

Io nott’e ggiorno sto cqui a la catena
a ffà la serva e annàmmesce a ffà squarta,3
e sta santa dipinta su la carta
nun zaritrova mai cc’a ppranzo e a ccena».

 

«Senti, Marta», arispose er Zarvatore,
«tu nun zei deggna de capí, nnun zei,
che Mmaria tiè la strada ppiú mmijjore».4

 

E Mmarta: «Io nun ne resto perzuasa;
e ssi ffascess’io puro com’e llei,5
voría vedé6 ccome finissi casa».7

 

5 gennaio 1836

 




1 Chi ci può reggere.

2 E poi si dirà che uno ci va in collera!

3 Andarmici a fare squartare, cioè: «andarne a morire».

4 «Maria optimam partem elegit».

5 E se facessi io pure com’ella fa.

6 Vorrei vedere.

7 Come finisse, come andrebbe a finire la casa nostra.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License