Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1784. La maggnera de penzà1

 

Io lo conosco er vostro sintimento,
sora Carlotta, e de che ggusto sete.
Abbasta che vve vienghi avanti un prete
voi ve n’annate in èstisi2 ar momento.

 

Perché vvoi, fijja cara, ve credete
c’a un omo che smaneggia er zagramento
je se possi3 co ttutto er fonnamento
mette4 in mano la vita e cquant’avete.

 

Ecco, a l’incontro io povero infilisce5
me penzo che sta gran bona connotta6
sii tutto un coloretto de vernisce.

 

Ar prete, in quant’a mmé, ssora Carlotta,
io nun je credo mai che cquanno disce:
«Dommino nun ddiggno» e sse scazzotta.7

 

5 gennaio 1836

 




1 La maniera di pensare.

2 In estasi.

3 Gli si possa.

4 Mettere.

5 Infelice.

6 Condotta.

7 E si batte il petto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License