Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1789. La folla pe le lettre1

 

Cor gruggno2 a la ferrata de la posta
strillavo: Arfonzo Sceccarelli; e intanto
un abbataccio che mme stava accanto
me sfraggneva cor gommito una costa.

 

Io me storcevo; e armeno er prete santo
m’avessi3 detto: nu l’ho ffatto apposta.
Ggnente: lui llí co la su’ faccia tosta
m’aripeteva er rèscipe oggni tanto.

 

Ar fine dico: «Eh sor abbate, cazzo!...».
Disce: «Silenzio». «Che ssilenzio, dico:
chi ssete4 voi?». E llui: «5 de Palazzo».

 

Capite? se ne venne co le bbrutte.
de Palazzo! Ma ggià, a Rroma, amico,
sta raggione che cqui6 sserve pe ttutte.

 

8 febbraio 1836

 




1 Per le lettere.

2 Col viso.

3 Mi avesse.

4 Chi siete.

5 Sono.

6 Questa ragione qui.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License