Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1790. L’incontro de mi’ mojje

 

Ner tornà a ccasa Margherita mia
(che cchi ssa ddove diavolo era stata
pe vvení ttutta rossa e scapijjata
da quele parte a or de vemmaria)

 

io l’incontrai viscino a Ppescaria,
che pijjanno de furia una svortata
se1 trovò immezzo propio a un’immassciata2
de vacche, e nnun fu a ttempo a scappà vvia.

 

Ar védese3 accusí ffra cquele corna
strillò: «Mmarito mio!!». «Siggnora cresta»,4
io rispose, «a cquestora s’aritorna?».

 

Bbasta, ha rraggione5 che nun c’era er toro
e cche le vacche ar color de la vesta
se la créseno forze6 una de lòro.

 

8 febbraio 1836

 




1 Si.

2 Ambasciata, cioè «branco».

3 Al vedersi.

4 Bizzarra, umorino. ecc.

5 Ebbe fortuna.

6 Se la credettero forse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License