Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1793. A cquela fata de la Ssciuzzeri1

 

Sce ne 2 state cqui de canterine
da favve3 tremà in petto la corata;
ma ddoppo intesa stangela incarnata,
nun c’è rrimedio, s’ha da scrive4 Fine.

 

Tiè una vosce ch’è un orgheno: è aggrazziata
ner gestí, ppiú de diesci bballerine:
ha ccerte note grosse e ccerte fine
c’una che vve n’arriva è una stoccata.

 

Disse bbene la fía5 de Ggiosaffatte
su in piccionara6 co ppadron Margutto:
Sta donna me va ttutta in zangue e llatte.

 

E a cchi er zucanto je paressi7 bbrutto
bbisoggna ch’er Ziggnore j’abbi8 fatte
l’orecchie foderate de presciutto.

 

9 febbraio 1836

 




1 Amalia Schùtz Oldosi veramente prodigiosa cantatrice, per l’opera I Puritani di Bellini, nel romano teatro di Tordinona.

2 Ce ne sono.

3 Da farvi.

4 Scrivere.

5 La figlia.

6 È il paradis dei Francesi, il lubion de’ Lombardi.

7 Paresse.

8 Gli abbia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License