Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1794. L’urtimo ggiorno de carnovale

 

Ho ccapito, ho ccapito, fra Ppasquale:
li soliti discorzi scojjonati.
Ggià, ggià, cquanti cristiani in carnovale
se1 vanno a ddivertí, ttutti dannati.

 

Io nun ve negherò cche o bbene o mmale
de sti ggiorni nun fiocchino peccati;
ma cche starebbe a ffacce2 er tribbunale
de pinitenza de vojantri frati?

 

Oh ttu ppredica, via: oh ccanta, canta.
A ste cose nemmanco sce se penza.3
otto ggiorni che ssò4 contr’a cquaranta?

 

Bbe’, a ttuttoggi oggni sorte de schifenza,5
e ddomatina scénnere6 e acqua-santa
e sse7 fa la bbucata8 a la cusscenza.

 

16 febbraio 1836

 




1 Si.

2 A farci.

3 Neppur ci si pensa.

4 Che sono.

5 Di schifezza.

6 Cenere.

7 Si.

8 Il bucato.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License