Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1797. L’incennio ne la Mèrica1

 

Naturale,2 er zor diavolo scistiga
ce tenta sempre a ffà ccose da forca:
se tiè3 ppe ttutto una vitaccia porca;
e a la fine er Ziggnore sce gastiga.

 

Lui se la sbriga presto, se la sbriga,
e cquanno sce se4 mette eh nun ze sporca.5
Cos’è ssuccesso a la scittà d’Agliorca?6
S’è abbrusciata, per dio!, com’una spiga.

 

Che ha ffatto? Forzi7 nun ha ffatto ggnente.
E Iddio forz’anche l’ha mmannata a ffoco
pe li peccati de quarcantra8 ggente.

 

Li ggiudizzi de Ddio chi l’indovina?
èsse9 perché a Rroma quarche ccoco
ha ppelato de festa una gallina.10

 

21 febbraio 1836

 




1 L’incendio nell’America.

2 Naturalmente.

3 Si tiene.

4 E quando ci si.

5 Non si sporca, cioè: «non fallisce».

6 Alla città di Nuova-York.

7 Forse.

8 Di qualche altra.

9 Può essere.

10 Vedi i due antecedenti sonetti intitolati: L’editto su le feste.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License