Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1805. La festa der Papa

 

Oggi ch’è ssan Grigorio, ossii la festa
der Papa, le Minenze che lo sanno
cúrreno1 tutti a ddajje er murtossanno,2
perché l’usanza de la Corte è cquesta.

 

Sta commedia a Ppalazzo è ggià la sesta,
pe vvia3 ch’entrato er Papa in ner zestanno
questa è la sesta vorta che cce vanno
a rillegrasse4 e a rròppeje la testa.

 

«Mille de ste ggiornate, Padre Santo»
dicheno com’e nnoi; e ccom’e nnoi
er Papa ghiggna e rrisponne: «Antrettanto».

 

Mille de ste ggiornate: ecco er prisciso
che rrèscita la bbocca. Er core poi
je sciaggionta5 der zuo: in paradiso.

 

12 marzo 1836

 




1 Corrono.

2 Ad multos annos.

3 Pel motivo.

4 A rallegrarsi.

5 Gli ci aggiunge.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License