Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1807. Er bene der Monno

 

Gni po’ de bbene a nnoi ggentaccia bbassa
ce pare un paradiso a ccel zereno:
ma a li siggnori, pòi1 fàjjela grassa
quanto te pare, è ssempre zzero e mmeno.

 

Tu ssai la differenza che cce passa,
Muccio, da un fiasco vòto a un fiasco pieno.
ssona un fil de vin che cce se lassa;
e cqua un bucale2 nun fiata nemmeno.3

 

Piú le ggente ggranne,4 e ppiú a le ggente
je s’aristriggne er Monno. A li sovrani,
a cquelli poi je s’aridusce a ggnente.

 

Pe un reggni5 novo acquisto, iggni(5) tesoro,
è cquer de prima. Sti bboni cristiani
se credeno6 pe ttutto a ccasa lòro.

 

14 marzo 1836

 




1 Puoi.

2 Un boccale.

3 Neppur si fa udire.

4 Sono grandi.

5 Ogni.

6 Si credono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License