Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1808. Er Beato Arfonzo

 

Cqui cc’è ppoco da ride1 e ffà er buffone,
perché er beatArfonzo de liquori2
è stato un zanto cor marcio e llonori,
e ffasceva miracoli a ttastone.

 

Questo ve posso cche in occasione
c’aveva un certo male o ddrento o ffori,
pe ariméttelo in cianca3 li dottori
jordinorno un arrosto de cappone.

 

Che ffa er zanto! Siccome jarincressce
de roppe4 la viggijja, arza la mano
sur pollo arrosto, e lo straforma in pessce.

 

Ccusí cco uno scanzetto de cusscenza
da omo de talento e bbon cristiano
maggnò a ssu’ modo e ffesce l’ubbidienza.

 

14 marzo 1836

 




1 Da ridere.

2 Di Liguorio.

3 Per rimetterlo in gamba.

4 Di rompere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License