Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1809. Papa Grigorio a li scavi

 

«Bbene!», disceva er Papa in quer mascello1


de li duscavi de campo-vaccino:
«bber búscio!2 bbella fossa! bber grottino!
bbelli sti serci!3 tutto quanto bbello!

 

E gguardate un po’ llí cquer capitello
si4 mmejjo lo ffà uno scarpellino!
E gguardate un po’ cqui sto peperino
si nun pare una pietra de fornello!».

 

E ttratanto ch’er Papa in mezzo a ccento
archidetti e antiquari de la corte
asternava er zusavio sintimento,

 

la turba, mezzo piano e mmezzo forte,
disceva: «Ah! sto sant’omo ha un gran talento!
Ah, un Papa de sto tajjo è una gran zorte!».

 

15 marzo 1836

 




1 In quel macello.

2 Bel buco!

3 Questi selci.

4 Se.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License