Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1810. Er peggno in campaggna

 

Appunto a sto proposito, l’antranno,
verzo la fin de ggiuggno, er mi’ padrone
trovò ccerti majali a fajje1 danno
ne la tenuta sua de Roncijjone.

 

Bbe’, azzeccàti2 che ll’ebbe in contrabbanno
e ffàttili schiaffà3 tutti in priggione,
ecco che vviè ddar Vescovo un commanno
che jje ne vadi a rrènneje raggione.

 

Va, e Mmonziggnore co la su’ podagra
fa un zarto4 e ddisce: «E a llei chi jj’ha imparato
de mette5 mano su la Robba sagra?».

 

«Scusi», disce, «ho ccreduto inzín’a jjeri
che llei finora avessi6 conzagrato
sempre somari e nnò animali neri».

 

15 marzo 1836

 




1 A fargli.

2 Presi.

3 Cacciare.

4 Salto.

5 Di mettere.

6 Avesse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License