Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1812. La festa mia

 

Nun me dite Ggiuseppe, sor Cammillo,
nun me dite accusí, cché mme scinfurio.
Chi mme chiama Ggiuseppe io je fo un strillo
e è ttutta bbontà mmia si1 nun l’ingiurio.

 

Sto nome cqui, nnun me vergoggno a ddíllo,
me pare un nome de cattivugurio!2
Sortanto a ssentí ddí3 Ppeppe Mastrillo!4
Nun zaría mejjo5 d’èsse nato espurio?6

 

E dde Ggiuseppebbreo? che! sse cojjona?7
Calà ggiú ddrentar pozzo com’un zecchio,8
e imbatte9 in quela porca de padrona!

 

E ssi10 ppijjamo quell’antro11 coll’ S,
sto San Giuseppe poi, povero vecchio,
tutti sanno che ccosa je successe.

 

19 marzo 1836

 




1 Se.

2 Di cattivo augurio.

3 Soltanto a sentir dire.

4 Fu, com’è noto, un famoso masnadiere.

5 Non sarebbe meglio.

6 D’essere nato spurio?

7 Si burla?

8 Come una secchia.

9 E imbattere.

10 Se.

11 Quell’altro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License