Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1813. L’indoratore

 

E adesso, sissignora, ar mi’ compare
je s’è mmessa una pietra immezzo ar core
perch’io lasso er mistier d’indoratore
e mme metto a sserví! Che ccose rare!

 

Ggià cqui er zerví nnun è ccattivo affare;
eppoi, o ppiú mmejjore o ppiú ppeggiore,
nun 1 ppadrone de er zervitore
e pportà la lenterna a cchi mme pare?

 

A ttempi de mi’ nonno scertamente2
l’arte de l’indorà ffruttava assai;
ma mmò ccosa t’indori? un accidente?

 

Li secolari nun danno lavoro
perché ssò3 ppien de debbiti e de guai,
e a ccasa de li preti è ttutto d’oro.

 

19 marzo 1836

 




1 Non sono.

2 Certamente.

3 Sono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License