Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1815. L’omo de monno

 

Le conosco per aria io le perzone,
e nnu le porto in groppa,1 nu le porto.
Scusateme, er discorzo è ccorto corto:
chi ffa er birbo, io lo tiengo pe un briccone.

 

Nun zo,2 ppenzerò mmale, averò ttorto,
forzi3 me sbajjerò, sarò un cojjone,
ma mme la stiggnerebbe4 viv’e mmorto
che llomo è ffijjo de le propie azzione.

 

Io ve parlo da povero iggnorante,
perché ccredo c’ar monno l’azzionacce
siino sempre l’innizzio5 der birbante.

 

Nun c’è bbisoggno d’èsse6 ito a scola
pe ddí cche ssi7 oggni cosa tiè8 ddufacce
l’omo de garbo n’ha d’avé una sola.

 

20 marzo 1836

 




1 Non le adulo.

2 Non so.

3 Forse.

4 La sosterrei tenacemente.

5 L’indizio.

6 D’essere.

7 Se.

8 Tiene.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License