Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1818. La cuscina der Papa

 

Co la cosa1 ch’er coco m’è ccompare
m’ha vvorzuto vvéde2 stammatina
la cuscina3 santissima. Cuscina?
Che ccuscina! Hai da pporto de mare.

 

Pile, marmitte, padelle, callare,
cossciotti de vitella e de vaccina,
polli, ova, latte, pessce, erbe, porcina,
caccia, e ’ggni sorte de vivanne rare.

 

Dico: «Pròsite4 a llei, sor Padre Santo».
Disce: «Eppoi nun hai visto la dispenza,
che de grazzia de Ddio sce n’è antrettanto».

 

Dico: «Eh, scusate, povero fijjolo!,
ma ccià5 a ppranzo co llui quarchEminenza?».
«Nòo», ddisce, «er Papa maggna sempre solo».

 

25 marzo 1836

 




1 Per la circostanza.

2 Mi ha voluto far vedere.

3 Cucina.

4 Prosit.

5 Ci ha, ha.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License