Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1819. La cantina der Papa

 

Mentre stavo guardanno la cuscina
e ppenzavo lassú ccome se maggna,1


è passato er zor Prospero Cuccaggna
cionnolanno le chiave de cantina.

 

E nnoi appresso. Che vvòi vede,2 Nina!
Nun ce la , pper dio, piazza de Spaggna.
E llí ccipro, e llí orvieto, e llí ssciampaggna,
e mmàliga, e ggenzano, e ggranatina...

 

«Brungia»,3 dico, «che bbona libbreria!
Che bell’archivio d’editti e de bbolle!
Che oratorio! Che bbrava sagristia!

 

E ssenza ajjuto de todeschi e rrussi
se po’4 er Papa assciugà ttutte stimpolle?».5
Disce: «Tra ppranzo e mmessa? Eh, cce ne fussi!».6

 

25 marzo 1836

 




1 E pensavo come lassù si mangia.

2 Che vuoi vedere.

3 Il romano, da prugna fa brugna; e questo, scambiato scherzevolmente in brungia, fa servire ad esclamaziomie di maraviglia nelle circostanze ridevoli.

4 Si può.

5 Queste ampolle?

6 Ce ne fosse!

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License