Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1821. Le speranze der popolo

 

Ggià, llúrtima che mmore è la speranza.
Ma ddoppo che ss’è ddetto Un Papa frate,
io nun zo ccosa diavolo sperate:
forzi1 quarche mollica quanno pranza?

 

Sperà bbene da lui? co cquela panza?
co cquela faccia fra er tre e’ r cinque?2 Oh annate,3
annate, fijji mii: ste bbuggiarate
ar monno d’oggi nun 4 ppiú ddusanza.

 

La Santità de sto Nostro Siggnore
lo sapete a cche ppenza? A vvive5 quieto
senza dolor de testa e mmal de core.

 

Lui a nnoi sce se tiè6 ttutti derèto,7
e, ar piú, sse n’aricorda pe ffavore
quanno maggna la sarza co l’asceto.8

 

26 marzo 1836

 




1 Forse.

2 Fare il tre e il cinque: faccia di quattro, cioè faccia di c... Ci vergogniamo a dirlo.

3 Oh andate.

4 Non sono.

5 A vivere.

6 Ci si tiene.

7 Di dietro.

8 La salsa coll’aceto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License