Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1824. Li scopatori imbrojjati

 

Piano, fijjoli mii, co sto scopà.
A sto paese io nun nnato mo.1


Ho ccinquantanni in groppa, e mmanch’io so
quer che sse possi e nunn ze possi .

 

Viè Mmonziggnore de le Strade e vvò
che sse scopi pe ttutta la scittà.
Scappa2 er Vicario e vve sce fa llegà:
quello disce de , questo de no.

 

Scopate, nun scopate, e nno, e ssí...
Chi diavolo l’intenne? Bberzebbú?
Io pe mmé ancora nu li so ccapí.

 

Quanno quer che ppe un prete è una vertú
per un antro3 è un dilitto da morí,
a cchiunque dai retta hai torto tu.

 

27 marzo 1836

 




1 Non sono nato adesso.

2 Vien fuori.

3 Altro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License