Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1827. Le donne litichíne

 

Ch’edè sto tatanài?1 Stamo2 a la ggiostra?
Lassa stà cquela donna, vassallona.
E vvoi, sora scucchiaccia3 bbuggiarona,
arzàteve da terra, e a ccasa vostra.

 

E cche, ssangue de ddio!, sta strada nostra
è ddiventata Piazza Navona?4
Oggni ggiorno, pe ccristo, una canzona!
Sempre strilli, bbaruffe e cchiappe in mostra!

 

Me fa spesce5 de voi che ssete6 vecchia,
e ddate un belessempio ar viscinato.
, a ccasa, o vve sce porto pe un’orecchia.

 

Vvoi poi, sorarpia, pe ddio sagrato!,
nun me chiamate ppiú mmastro Nardecchia
si7 un’antra vorta nun ve caccio er fiato.

 

27 marzo 1836

 




1 Che è questo strepito?

2 Stiamo.

3 Mento lungo, aguzzo.

4 Sulla qual piazza si tiene mercato.

5 Mi fa specie, maraviglia.

6 Siete.

7 Se.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License