Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1828. Er zegréto

 

Ner a l’amore un goccio de segreto
quanto è ggustoso nun potete crede.1


Piú assai der testamento pe un erede,
piú assai de li piselli co l’aneto.

 

Fàsse l’occhietto,2 stuzzicasse3 er piede,
toccasse4 la manina pe ddereto,5
spasseggià ppe li tetti e pper canneto
mentre er prossimo tuo sta in bona fede;

 

dasse6 li rigaletti a la sordina,7
annà scarzi8 e a ttastone a mmezza notte
eppoi fàcce l’indiani la matina...

 

Io voría chiede9 a le perzone dotte
per che mmotivo quer passa-e-ccammina
e cquele furberie accusí jjotte.10

 

30 marzo 1836

 




1 Credere.

2 Farsi l’occhiolino.

3 Stuzzicarsi.

4 Toccarsi.

5 Per di dietro.

6 Darsi.

7 Di soppiatto.

8 Andare scalzi.

9 Io vorrei chiedere.

10 Sono così ghiotte.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License