Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1833. Er capezzale

 

Er confessore, ar zòlito peccato,
che un po’ mmeno o un po’ ppiú ttutti l’avemo,
me tiè oggni vorta sto discorzo sscemo,
e nnun capissce che cce sprega er fiato.

 

«E ar capezzale sce n’accorgeremo,
e ar capezzale guai chi ss’è ostinato,
e ar capezzale è ttutto ariggistrato,
e ar capezzale sciariparleremo...».1

 

Tutte le sante feste una canzona!
Ma er capezzale lo bbúggero io:
er capezzale a mmé nun me cojjona.

 

Da cqui avanti appen’entro a lo spedale
dico ar zervente: «Sor zervente mio,
levateme de cqui sto capezzale».

 

30 marzo 1836

 




1 Ci riparleremo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License