Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1834. Er Miserere de la Sittimana Santa

Sonetti 2

 

Tutti l’ingresi de Piazza de Spaggna
nun hanno antro1 che ddí ssi cche ppiascere
è de sentí a Ssan Pietro er miserere
che ggnisunistrumento l’accompaggna.

 

Defatti, cazzo!, in ne la gran Bertaggna
e in nell’antre cappelle furistiere
chi ssa ddí ccom’a Rroma in ste tre ssere
Miserere mei Deo sicunnum maggna?

 

Oggi sur maggna sce stati un’ora;
e ccantata accusí, ssangue dell’ua!,2
quer maggna è una parola che innamora.

 

Prima l’ha ddetta un musico, poi dua,
poi tre, ppoi quattro; e ttutter coro allora
j’ha ddato ggiú: mmisericordiam tua.

 

31 marzo 1836

 




1 Altro.

2 Dell’uva.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License