Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

50. Lo sposalizzio de Tuta

 

Ma cce voi un bucale,1 che Ggiartruda
nun passa un mese o ddua che sse ne pente?
Tu ste parole mia tiettele a mmente,
e nun te bburlo quant’è vvero Ggiuda.

 

Di’: cquann’è ccotto l’ovo? quanno suda.
Chi ccommanna a l’urione?2 er Presidente.
Ch’edè3 ar muro sta strisscia luccichente?4
Cià5 ccamminato la lumaca iggnuda.

 

Er monno lo conosco, sai Ggiuvanni?
Si6 sposa7 venardí Ttuta Bber-pelo7a
sce s’abbusca8 ’na frega9 de malanni.

 

Né de Venere, cazzo, né de Marte
(e li proverbi ccomer Vangelo),
nun ze10 sposa, peccristo, e nnun ze parte.

 

10 settembre 1830 - De Peppe er tosto

 

 




1 Ma ci vuoi fare un boccale? Vuoi scommetterci un boccale?

2 Al rione.

3 Che è.

4 Luccicante.

5 Ci ha.

6 Se.

7 Pronunzia con la o chiusa.

7a Bel-pelo.

8 Ci busca.

9 Un cumulo.

10 Non si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License