Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1838. La messa in copia

 

Nun è pprete er zor Conte, sora Checca,
ma vvistito in pianeta a la pretina,
sta a l’artàre in cappella oggni matina
un’ora a ccelebbrà la messa secca.1

 

E bbisoggna sentí ccome s’imbecca
queli ssciroppi de lingua latina:
e bbisoggna vedé ccome s’aîna2
cor caliscetto, e ccome se lo lecca!

 

Pe ccirimonie poi e ppe ssegrete
manco er decane3 der Zagro Colleggio
faría mejjo de lui la sscimmia a un prete.

 

Ma nun conzagra! Eh nnun è cquesto er peggio,
perché in ner cunzumà,4 sposa,5 vedete,
che ar meno nun commette un zagrileggio.

 

31 marzo 1836

 




1 «Messa secca» dicesi quella messa celebrata da alcuni divoti per imitazione.

2 Si affaccenda.

3 Il decano, il Cardinal decano.

4 Nel consumare.

5 «Sposa» deve pronunziarsi colla o chiusa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License