Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1839. Er zantissimo de Monte-Ccavallo

 

Santissimo! Er zantissimo, me pare,
doverebbèsse1 er zolo sagramento,
ciovè cquer galantomo che sta ddrento
ar cibborio indorato de l’artàre.

 

E a Rroma ciarigaleno,2 compare,
un zantissimo novo oggni momento,
un zantissimo senza fonnamento
c’ha ssantissimo inzino quel’affare.

 

Tutti sti lecca-culi e lleccazampe
je dànno der zantissimo pellossa
co la lingua e la penna e cco le stampe.

 

Ma ccome va a ffiní? Quann’è ccrepato,
ammalappéna è sscento in ne la fossa,
sto santissimo poi manco è Bbeato.

 

31 marzo 1836

 




1 Dovrebbessere.

2 Ci regalano.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License