Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1840. La bbenedizzione der Zàbbito Santo1

 

È vvenuto, è vvenuto er zor Curato
a bbenedí la casa; e de raggione
me s’è ppreso er papetto2 che jj’ho ddato,
come fussi3 un acconto de piggione.

 

Nun zo,4 ppare che un prete conzagrato
a cquer papetto o ppavolo o ttestone5
avessi6 da strillà: «Llei s’è sbajjato:
noi nun vennémo7 le bbenedizzione».8

 

La cosa annería bbene, si9 nnoi fossimo
l’acquasantàri; ma li preti, Aggnesa,
nun ccapasci a ffà un inzurto ar prossimo.

 

Pe cquello che sso io, nun c’è mmemoria
de ste risposte agre; e ppe la Cchiesa
tutti li sarmi10 finischeno in groria.

 

2 aprile 1836

 




1 Del Sabato Santo.

2 Due paoli.

3 Fosse.

4 Non so.

5 Tre paoli.

6 Avesse.

7 Non vendiamo.

8 Le benedizioni.

9 Andrebbe bene, se.

10 Salmi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License