Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1843. Le confidenze

 

«Te vojjo una cosa in confidenza;
maa!... mme capischi1 «Me2 fo mmaravjja.
Pe ssegretezza io? che! ssò3 Cciscijja?4
Oh, in quant’a cquesto poi, pe la prudenza...».

 

«Bbe’, ddunque hai da sapé ccoggi Vincenza
scerca5 a nnòlito6 un letto pe la fijja».
«Ah? la fa sposa?!7 E cchi ppijja? chi ppijja
«Eh un ciocco grosso:8 un facchin de credenza».

 

«Ohò! ttutti sti fumi finarmente
iti9 a svaporà cco un facchinaccio
«Ma ddunque tu nun zai10 «No, nnun zo ggnente».

 

«Quela regazza... è un po’ pproggiudicata...11 Abbasta,12 io je 13 amica, e ssi tte14 faccio
sti discorzi...». «Eh cche ddubbi! Ôh, addio, Nunziata».

 

3 aprile 1836

 




1 Mi capisci?

2 Mi.

3 Sono.

4 Cecilia.

5 Cerca.

6 A nolo.

7 Sposa si pronunzia coll’o chiuso.

8 Un gran personaggio.

9 Sono andati.

10 Non sai.

11 Pregiudicata.

12 Basta.

13 Le sono.

14 Se ti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License