Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1844. La vedova der zervitore

 

Sto nné in celo né in terra, Madalena.
Ciarle quante ne vòi, bbone parole...
Ciò1 rrimesso a cquestora un par de sòle,2
e cc’ho avuto? un testone3 ammalappena.

 

Sai chi ccrede a le lagrime? Chi ppena.
Sai chi ppenza ar malanno, eh? Cchi jje dole;
ma nnò chi è ggrasso, cchi ha rrobba ar zole,
cchi ssabbòtta a ppranzo e ccrepa a ccena.

 

Doppo tant’anni de servizzio! un vecchio,
Siggnor Iddio, che l’ha pportato in braccio!
Uno che jjera ppiú cc’un padre! Un specchio

 

d’onestà!... Eppuro4 a un omo de sta sorte
je se fa cchiude5 l’occhi s’un pajjaccio
senza una carità ddoppo la morte!

 

3 aprile 1836

 




1 Ci ho.

2 Suole di scarpe.

3 Tre paoli.

4 Eppure.

5 Gli si fa chiudere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License