Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1853. La Bbonifiscenza

 

Pe la passion de Ddio, zitto, Luviggi,
nun mentovamme ppiú bbonifiscenza.1


Sto nome che jje danno è un’apparenza,
è una nebbia, è un odor de zzoffumiggi.

 

Se mànneno a accattà2 ttanti prodiggi
de bbon custume e ttantarche d’asscenza,3
e sse sscialacqua poi la providenza
pe ffà ggiucà la prencipessa Ghiggi!4

 

Cinquanta scudi ar mese de penzione
a ’na vecchiaccia fràscica de vizzi5
pe mmétteli6 s’un asso ar faraone.

 

Una che ttanto bbutta quanto pijja!
Che ss’è ffatta impeggnà ddar zuPatrizzi7
er trerreggno d’un Papa de famijja!8

 

5 aprile 1836

 




1 Non mentovarmi più beneficenza.

2 Si mandano a questuare.

3 Di scienza.

4 Chigi.

5 Fradicia di vizii.

6 Per metterli.

7 Patrizi, il maestro di casa dei principi Chigi, scoperto poi ladro e fuggito di Roma.

8 Il triregno di Alessandro vii.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License