Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1854. Ar zor Abbate Bbonafede

 

Dite ch’è rraro ppiú cc’a vvince1 un terno
che un poveromo che mmore ammazzato
nun ze2 trovi coll’anima in peccato
e nnun scivoli ggiú ddritto a l’inferno.

 

A l’incontrario er reo che ll’ha scannato
e mmore pe le mano der governo,
è cquasi scerto com’adesso è inverno
che ttrova er paradiso spalancato.

 

Sarà ddunque curiosa all’antro monno3
che cchi de cqua ha pportato er proggiudizzio
se vedi4 a ggalla, e cchi ll’ha avuto, a ffonno.

 

Sarà ccuriosa ar giorno der giudizzio
che er primo stii tra llangioli, e ’r ziconno5
cor diavolo che vventri in quer zervizzio.

 

5 aprile 1836

 




1 A vincere.

2 Non si.

3 All’altro mondo.

4 Si veda.

5 E il secondo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License