Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1855. La strolomía

 

Nun j’è vvienuta la fernesia,1


invesce2 de ggiucà a mmercant’in fiera,3
d’aritirasse4 in cammeraggni sera
soli soli a studià dde strolomía?5

 

Jer notte6 da la santa vemmaria,
senza nemmanco un straccio de stadera,
se mésseno a ppesà llantimosfera7
cor un vetro che sta ssu la scanzia.

 

Pesà llaria! ma eh? Bbecche ppadroni8
nun zarebbe una cosa nescessaria
de dàjje la patente de bbuffoni?

 

Eh ssi llaria pesassi,9 addio scibbaria!
Pe una libbra de carne o mmaccaroni
se10 pagherebbe dodiscionce d’aria.

 

23 settembre 1836

 




1 Frenesia.

2 Invece.

3 Mercante in fiera: giuoco di carte molto usato in Roma.

4 Di ritirarsi.

5 Di astronomia.

6 Ieri a notte.

7 L’atmosfera.

8 Benché padroni.

9 Se l’aria pesasse.

10 Si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License