Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1856. La faccia der Monno

 

C’è inzíno chi ssostiè ch’er Monno è ttonno,1


eppuro2 nun è ttonno un accidente.3
Tutt’è pperché a le cose scerte ggente4
nun ce vonno arifrette,5 nun ce vonno.

 

Pe ttutto o sse6 salissce o sse va a ffonno:
de cqui a Ccivitavecchia solamente
sce 7 ssette salite e ssette sscente:8
dunque, che tte ne pare? è ttonno er monno?

 

Va’ a Ssan Pietro-Montorio, a Mmonte-Mario,
ar Pincio, a Ttivoli, a Rrocca-de-Papa...
sempre sce9 troverai quarche ddivario.

 

Tonno davero se ddí10 un cocommero,
una palla de cuppola, una rapa,
una scipolla, un portogallo, un gnómmero...11

 

23 settembre 1836

 




1 Tondo.

2 Eppure.

3 Non è tondo affatto.

4 Certe genti.

5 Riflettere.

6 Si.

7 Ci sono.

8 Discese.

9 Ci.

10 Si può dire.

11 Un gomitolo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License