Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1858. Certe parole latine

 

Una sce n’ho ppur’io guasi1 compaggna.
Quanno annài cor padron de ziPascifica2
a Tterni indove er marmo se pietrifica,3
eppo’ a Ssisi4 e a la fiera de Bbevaggna,

 

in chiesa, doppo er canto der Maggnifica,5
dimannài a un pretozzo de campaggna:
«Quer parolone fescimichimaggna,6
sor arciprete mio, cosa siggnifica?».

 

L’abbate je pijjò un tantin de tossa,7
poi disse: «Fescimichimaggna, fijjo,
ddí in vorgare:8 Me l’ha ffatta grossa».

 

Dico: «E ccosa j’ha ffatto, eh sor curato
«Ôh, ccerti tasti», disce, «io ve conzijjo
de nun toccalli; e cquer ch’è stato è stato».

 

26 settembre 1836

 




1 Quasi.

2 Di zia Pacifica.

3 Allude alle stalattiti delle Marmore.

4 Ad Assisi.

5 Magnificat.

6 «Fecit mihi magna».

7 Di tosse.

8 Vuol dire in volgare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License