Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1861. Chi fa, ariscéve1

 

Saulle dunque, in nome der Ziggnore,
scannò inzino le crape2 e le vitelle;
ma, o ffussi3 pe avarizzia o ppe bbon core,
prese er re Agaggo e jje sarvò la pelle.4

 

E ecchete5 er profeta Samuelle
che lo chiama idolatro e ttraditore,6
e jjintima ch’er reggno d’Isdraelle
passerà a un zuviscino ppiú mmijjore.7

 

Poi disce: «Indov’è er Re, cche ttu ssarvassi?».8
E ’r poverello je se fesce avanti,
tremanno peggio de li porchi grassi.9

 

Allora Samuelle, a ddenti stretti,
je disse: «Mori»; e in faccia a ttutti quanti
arzò10 un marraccio11 e lo tajjò pezzetti.12

 

29 ottobre 1836

 




1 Riceve.

2 Capre.

3 Fosse.

4 «Et apprehendit Agag regem Amalec vivum,... et pepercit Saul et populus Agag». (Reg., i, cap. xv).

5 Ed eccoti.

6 «Quasi peccatum ariolandi est repugnare, et quasi scelus idolatriae nolle acquiescere». (Reg., i, cap. xv).

7 «Scidit Dominus regnum Israel a te hodie, et tradidit illud proximo tuo meliori te». (Ibid.).

8 Dov è il re che tu salvasti? «Adducite ad me Agag regem Amalec». (Ibid.).

9 «Et oblatus est ei Agag pinguissimus et tremens». (Ibid.).

10 Alzò.

11 Coltellaccio un po’ simile ad una scure.

12 «Et in frusta concidit eum Samuel. (Ibid.).

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License