Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1862. Er ritorno da Castergandorfo1

 

Circa a vventitré e un quarto er Padre Santo
s’affermò a bbeve2 a Ttor-de-mezza-via;3
poi rimontò in carrozza e ffesce4 intanto:
«, ggiuvenotti, aló,5 ttiramo via».

 

Me crederai, si6 ttaricconto in quanto
arrivò a Rroma? Ebbè, a la vemmaria
gia stava a ccasa e sse tieneva accanto
er zolito bbucal de marvasia.7

 

Era tanto quer curre scatenato
c’a Pporta San Giuvanni lo pijjorno8
per un zommo Pontescife scappato.

 

E mmó averessi9 da vedello adesso
come ride ar zentí10 cquanti in quer giorno
pissciorno sangue pe ttenejje11 appresso.

 

31 ottobre 1836

 




1 Castel Gandolfo, sul Lago Albano: villeggiatura ordinaria dei Papi.

2 Si fermò a bere.

3 Osteria e posta.

4 Disse.

5 Viene dal francese allons.

6 Se.

7 Malvasia. Qui il nostro romanesco è male informato. Doveva dire: marsala.

8 Pigliarono.

9 Avresti.

10 Al sentire.

11 Tenergli.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License