Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1863. Le gabbelle de li turchi

 

Un tar munzú Ccacò, cch’è un omo pratico
e Ddio solo lo sa cquanti n’ha spesi
pe vviaggià ddrentar reggno musurmatico
dove nun ce commanneno Francesi,

 

ricconta che in sti bbarberi paesi
ggni sei mesi sc’è un uso sbuggenzatico1


che sse paga sei mesi de testatico
pe pprologà2 la vita antri sei mesi.

 

Dunque disce er Francese che ssiccome
ar Governo der Papa indeggnamente3
nun jamanca de turco antro ch’er nome,

 

c’è ggran speranza che jje vienghi4 in testa
de mette sopra er fiato de la ggente
’na gabbella turchina uguale a cquesta.

 

19 novembre 1836

 




1 Sgarbato, incitativo.

2 Per prorogare.

3 Espressione ironica di tal quale umiltà, di cui si fa molto uso.

4 Gli venga.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License