Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1864. Li ggiudizzi

 

Pe ggiudicà da ommini, Ghitano,
e nun bévese tutto com’alocchi,
le cose s’ha da védele coll’occhi
e ttoccalle a un bisoggno co le mano.

 

A ddà rretta a le sciarle de li ssciocchi
cerchi er mare, e cchedè?1 ttrovi un pantano;
e li scudi contati da lontano
da viscino diventeno bbaiocchi.

 

Presempio2 l’avocato mi’ padrone
sentirai cche scrive bbene; e cquello
fa invesce rospi e zzampe de cappone.

 

A l’incontro er copista, poverello,
nu ne parla ggnisuno, e in cuncrusione
ha un ber caratterino stampatello.

 

21 novembre 1836

 




1 E che è?

2 Per esempio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License