Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1865. Mastro Grespino1

Sonetti 2

 

Stretti?! Ma gguardi llì, stanno attillati
che jje fanno un piedino ch’è un piascere.
Sòle schiette, se sa,2 ppelle sincere:
3 stivali, e nno zzànnoli4 de frati.

 

Che ccosa se ne fa, ssor cavajjere
de quelli fanfaroni5 squatrassciati6
che ddoppo un’ora o ddua che ll’ha ccarzati
je diventeno un par de sorbettiere?

 

Sbatti7 er piede, accusí, ffacci de questo:8
ma ggià, er vitello come sente er callo9
cede da lui medémo10 e ppijja er zesto.11

 

Oggi e ddomani ar piú cche sse li mette,
lei sti stivali cqui pposso accertallo
che jjanneranno ccom’e ccarzette.

 

30 novembre 1836

 




1 Crispino: nome comune de’ calzolai.

2 Si sa.

3 Sono.

4 Sandali.

5 Goffi oggetti.

6 Deformi per larghezza.

7 Sbatta, batta.

8 Faccia di questo: faccia in questo modo, come faccio io.

9 Il caldo.

10 Medesimo.

11 Piglia il sesto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License